Servizio civile regionale: nove posti all’Opera Madonnina del Grappa

08 feb

Servizio civile regionale: nove posti all’Opera Madonnina del Grappa

 

Sono nove i posti a disposizione per svolgere nei prossimi mesi il Servizio civile regionale (SCR) all’Opera Madonnina del Grappa nell’ambito del progetto “La cittadella dell’accoglienza: un ponte verso l’autonomia“. E’ stato infatti emanato dalla Regione l’avviso  per la selezione dei giovani.

 

IL PROGETTO

 Il progetto “La cittadella dell’accoglienza: un ponte verso l’autonomia” è proposto dall’Opera Madonnia del Grappa per intervenire nell’ambito della tutela dei diritti sociali delle persone, anche mediante la collaborazione ai servizi di assistenza, prevenzione, cura e riabilitazione e reinserimento sociale.

 Numero posti: 8 a Firenze, 1 a Scandicci

 Sede di progetto: presso le strutture dell’Opera Madonnina del Grappa a Firenze e Scandicci

 Obiettivi: incrementare la presenza educativa nelle strutture di accoglienza dell’Opera Madonnina del grappa

 Ruoli:  i volontari in SCR collaboreranno e sosterranno gli operatori nelle varie attività organizzate all’interno delle singole strutture

 Orario: 30 ore settimanali, 5 giorni lavorativi

 

La domanda di partecipazione può essere presentata esclusivamente on line, accedendo al sito https://servizi.toscana.it/sis/DASC e seguendo le apposite istruzioni. E’ possibile presentare la domanda o tramite carta sanitaria elettronica (CNS) rilasciata da Regione Toscana, o accedendo direttamente al link sopra indicato e compilare l’apposita richiesta per ricevere l’abilitazione alla compilazione della domanda. Devono essere compilati tutti i campi indicati nel format della domanda. Prima dell’invio della domanda deve essere allegato il curriculum vitae. Una volta inviata la domanda, il candidato riceverà all’indirizzo di posta elettronica comunicato nella domanda una email di conferma di avvenuto invio della domanda e conseguente ricezione della stessa da parte dell’ente titolare del progetto prescelto. L’eventuale esclusione è comunicata direttamente dall’ente al giovane interessato.

 

Scadenza per la presentazione della domanda: 03/03/2017. Le domande pervenute oltre tale termine non saranno prese in considerazione.

 Può essere presentata domanda solo per un progetto finanziato tra quelli indicati nei due elenchi dei progetti, pena esclusione da tutti i progetti per i quali si è fatto domanda.

 Può fare domanda chi, alla data di presentazione della domanda:

  • abbia un’età compresa fra i 18 ed i 29 anni (quindi chi non ha ancora compiuto il 30° anno, ovvero 29 anni e 364 giorni);
  • sia regolarmente residente in Italia;
  • sia inoccupato, inattivo o disoccupato ai sensi del decreto legislativo n. 150/2015;
  • sia in possesso di idoneità fisica;
  • non abbia riportato condanna penale anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo

 

Tutti i requisiti, ad eccezione del limite di età, devono essere mantenuti sino al termine del servizio.

 Non può presentare domanda chi:

  • già presta o abbia svolto attività di servizio civile nazionale o regionale in Toscana o in altra regione in qualità di volontario, ovvero che abbia interrotto il servizio prima della scadenza prevista, ad eccezione di coloro che hanno cessato il servizio per malattia, secondo quanto previsto dall’articolo 11 comma 3 della legge regionale 35/06;
  • abbia avuto nell’ultimo anno e per almeno sei mesi con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo.

 

Durata e rimborso

La durata del servizio civile regionale è pari a 8 mesi; ai giovani in servizio è corrisposto direttamente dalla Regione Toscana un assegno di natura non retributiva pari a 433,80 euro, secondo le modalità previste dal decreto 549/2017.

 La procedura di pagamento dei giovani è avviata dopo la conclusione del terzo mese di servizio.
Il ritiro prima della conclusione del terzo mese comporta la decadenza dai benefici previsti dal progetto.

 

Selezioni ed avvio al servizio

Le selezioni dei giovani che hanno presentato domanda saranno effettuate direttamente dall’ente titolare del progetto, che stabilirà tempi e modalità, dandone comunicazione ai candidati. Ultimate le selezioni l’ente redigerà apposita graduatoria individuando i giovani idonei ed ammessi al progetto, i non idonei e gli idonei non ammessi al progetto.

 

Scritto da Staff web

il 08 febbraio 2017

Stampa

Cerca

Ultime notizie